venerdì 2 novembre 2012

GNOCCHI DI SUSINE

 


Qui a Trieste è tempo di gnocchi di susine. Semplici gnocchi di patate dalla forma tondeggiante ripieni appunto di susine e un po’ di zucchero. Attenzione però, non sono un dolce! Vanno infatti serviti e consumati come un primo piatto.

In effetti il gusto è agrodolce, gli gnocchi vengono lessati in acqua salata e poi conditi con burro fuso nel quale si fa rosolare del pane grattugiato. Tocco finale: una spolverata di cannella e un po’ di zucchero.

Di origine austroungarica, come moltissime ricette della cucina triestina, fanno parte della categoria degli gnocchi ripieni, come i famosi marillenknödel (gnocchi ripieni di albicocche o di confettura di albicocche) tipici della cucina austriaca.

Come dicevo costituiscono un primo piatto e non un dolce ed è piacevole consumarli nelle prime giornate di freddo autunnale davanti a un bel camino acceso nelle tipiche trattorie del Carso triestino.

È stata una delle prime ricette che mi sono venute in mente quando ho assaggiato il burro salato 1889 delle Fattorie Fiandino, proprio perché la sapidità di questo burro si sposa alla perfezione con il sapore agrodolce predominante di questa preparazione.


Ingredienti per quattro persone

1 k di patate farinose
farina 00 qb
sale
una decina di susine
50 g di burro salato 1889
1 cucchiaio di pane grattugiato
1 cucchiaino di cannella in polvere
zucchero

Preparate la pasta per gli gnocchi mescolando le patate prima lessate con la buccia, sbucciate e passate con il passapatate insieme alla farina e a un pizzico di sale quando ancora sono calde. Non appena la pasta prende consistenza smettete di lavorarla. Ricavate dalla pasta delle palline con cui dovete formare dei dischi appiattendoli con le mani sulla spianatoia infarinata di circa otto centimetri di diametro.
Ponete al centro di ciascun disco di pasta un pezzo di susina e sopra la susina un po' di zucchero tenendo il disco di pasta nel palmo di una mano, quindi chiudete la pasta formando una palla.








Fate lessare gli gnocchi in abbondante acqua salata.
Nel frattempo fate sciogliere il burro in un pentolino e rosolatevi il pane grattugiato.
Quando gli gnocchi vengono a galla fateli cuocere ancora qualche minuto, quindi scolateli, adagiateli nei piatti e conditeli con burro misto a pane grattugiato. Spolverate con un po' di cannella e un po' di zucchero.





9 commenti:

  1. Hola, gracias por tu visita y por traerme hasta tu blog. Me he quedado fascinada con tus recetas y tu fotografía. Enhorabuena !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Carmen! Gracias por tus palabras. También tu blog es muy bonito. Creo que voy a participar a tu reto, me gustaría mucho. Hasta pronto!

      Elimina
  2. Ne ho assaggiati di simili in una malga altoatesina.... una meraviglia!
    Tengo presente la tua ricetta ma le susine non so dove trovarle adesso.
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudette! Per dir la verità le ultime susine che abbiamo mangiato risalgono a una settimana fa ed erano proprio quelle che erano rimaste dopo aver fatto questi gnocchi circa una decina di giorni fa. Comunque si possono sostituire con le prugne secche ma meglio ancora con la confettura di albicocche. Sono ugualmente buoni. Ciao e grazie!

      Elimina
    2. e infatti l'alternativa agli gnocchi con le susine, nella stessa malga, erano quelli con le albicocche!
      Claudette

      Elimina
  3. Anche qui in Germania ho visto una preparazione simile, con le albicocche però, e poi dovrebbe essere un dolce e non un primo, almeno credo, non ho mai provato!
    Le tue foto sono molto belle perché la tua preparazione è la vera protagonista dei tuoi scatti, complimenti e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Ho cercato di far vedere proprio com'è che si fanno perchè a volte spiegare a parole è molto più difficile e meno efficace che spiegare con i gesti.
      Anche la versione con le albicocche è buonissima anche se in effetti sono un po' più dolci. Ciao Maria Pia e grazie!

      Elimina
  4. Mamma mia che bontà! Fatti stasera, ne avevo proprio voglia e la tua ricetta è stata una manna caduta dal cielo. Sono piaciuti molto anche al mio dolce maritino che nonostante sia triestino (doc...) solitamente non ne va proprio matto. Grazie Mari, continua così. Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Francy!!! Son contenta che ti siano venuti bene e che abbia apprezzato pure il maritino (se no che triestino è?)

      Elimina